Pitti Bimbo Gennaio 2016: il debutto della collezione Henry Cotton’s Kids

Debutta a Pitti Bimbo la prima collezione Henry Cotton’s autunno inverno 2016 2017 che rispecchia le caratteristiche di design, vestibilità e styling della collezione uomo. Le immagini sono su Style & Fashion

Henry Cotton’s collabora con Marbel, licenziatario del marchio e produttore italiano di abbigliamento bambino, a cui saranno affidate la produzione e la distribuzione della collezione kids di Henry Cotton’s. La prima collezione Henry Cotton’s bambino, presentata a Pitti Bimbo 82, è quella autunno inverno 2016 2017 che rispecchia le caratteristiche di design, vestibilità e styling della collezione uomo.

“E’ magnifico avere un’offerta dedicata ai ragazzi nella nostra collezione”, ha detto Andy Rigg, direttore Marketing di Henry Cotton’s: “Siamo felici del contributo che Marbel assicurerà al progetto sul piano dell’esperienza professionale. La collezione sarà un enorme successo”.

La collezione bambino si articola in tre filoni: la pre-collezione crea un ponte fra l’estate e l’inizio dell’autunno con una serie di capi che sono ancora leggeri e morbidi. I colori sono delicati e tenui e vanno dall’azzurro al beige con accenti color mattone e blu. Sono anche
presenti piccoli motivi in fantasia pied de poule. Il corpo centrale della collezione ha uno spirito dichiaratamente “British” declinato in stoffe più pesanti, giubbotti imbottiti e giacche di lana in cui la lavorazione si mostra ricca di dettagli e la colorazione più intensa. La tavolozza mescola sfumature di verde, dal verde mela al verde bottiglia, ad accenti di giallo senape e toni caldi di marrone. I motivi scozzesi sono un forte richiamo alle radici British.

L’ultima parte della collezione è squisitamente invernale, ispirata alla montagna. I colori sono attenuati e si articolano in tre toni di grigio abbinati a contrasti in blu, bordeaux e rosso. Sono capi caldi, come le giacche a vento con cappuccio orlato di pelliccia, i maglioni pesanti grazie alla speciale lavorazione e la ricchezza dei materiali impiegati, inclusi i tessuti jacquard.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail