Giorgio Armani collezione donna primavera estate 2016: il rosso rivoluzionario, la sfilata a Milano

Ha la firma del colore rosso, la collezione primavera estate 2016 di Giorgio Armani, che ha sfilato sulle passerelle di Milano Moda Donna, una rivoluzione silenziosa che porta un soffio di inatteso nel mondo di Armani. Le immagini sono su Style & Fashion

Ha la firma del colore rosso, la collezione primavera estate 2016 di Giorgio Armani, che ha sfilato sulle passerelle di Milano Moda Donna, una rivoluzione silenziosa che porta un soffio di inatteso nel mondo di Armani. Si afferma così una nuova femminilità: decisa e grintosa, senza rinunciare a un’idea di morbido understatement. La sensualità è un segno sicuro che non diventa mai sfrontatezza.

Abbinamenti inusuali, proporzioni ripensate e sovrapposizioni inedite creano silhouette impalpabili. Il corpo è protagonista, rivelato dal gioco di eleganti velature, dalle linee sottili e accostate. La giacca, simbolo di uno stile inimitabile, si fa ancora più morbida e avvolgente: aderisce al busto con naturalezza ed è abbinata a pantaloni dai volumi liquidi. Piccoli bolero e caban sono caratterizzati da motivi jacquard o intrecci di nastri; il poncho con le frange diventa abito.

La tuta scopre le gambe e fluttua, mentre pantaloni millerighe di organza tecnica sono indossati sotto gonne e abiti, disegnando nuovi effetti see-through. Le gonne si fermano sopra il ginocchio, la vita è segnata, in una ricerca di glamour grafico e presente. Il rosso si accende in sfumature di fiamma, lacca e geranio, per attenuarsi gradualmente in toni pallidi o è tagliato dal nero, dal crema, dal grigio perla. Per la sera il gioco delle sovrapposizioni e trasparenze si fa scintillante e i ricami disegnano righe, fasce, motivi. I sandali con zeppa sono il segno che definisce il nuovo corso, come i cappelli dalle tese aeree e ondulate.

Special guest nel front row: Sophia Loren, Bob Wilson, Gabriele Muccino, Flavia Pennetta, Luca Guadagnino, Laura Morante, Margherita Buy, Alessandro Preziosi, Francesco Scianna, Federica Pellegrini, Filippo Magnini, Fabio Fognini, Alessandro Cattelan, Cayetano Rivera e Antonia Dell'Atte.

  • shares
  • Mail