Kristina Ti collezione primavera estate 2016: le contaminazioni, la sfilata a Milano

Contaminazione, internazionalità e integrazione, sono queste le parole chiave della collezione primavera estate 2016 di Kristina Ti che ha sfilato durante la fashion week milanese. Le immagini sono su Style & Fashion

Contaminazione, internazionalità e integrazione, sono queste le parole chiave della collezione primavera estate 2016 di Kristina Ti che ha sfilato durante la fashion week milanese. La nuova collezione è una miscela che trae ispirazione da diverse culture, forme e colori, suggestioni, forme, fantasie e tecniche che arrivano da altri paesi.

Così il sud america con le sue stampe vivaci si accosta a grafismi orientali e stampe delicate micro/macro a confronto, ricordano territori a noi più familiari e prossimi. Questi abiti si rivolgono non a una, ma a molte donne che hanno in comune un carattere determinato, solido. Persone che non hanno paura di confrontarsi e
sono consapevoli del fatto che la crescita avviene attraverso la contaminazione. Disposte a osare e mettersi in discussione per raggiungere un nuovo valore, frutto della commistione tra esperienze e tradizioni diverse.

Pantaloni asciutti a vita alta in tessuto goffrato tecnico si accostano a top tricottati che ricordano le reti luminescenti dei pescatori. Lungo e corto si alternano negli abiti che richiamano i delicati dettagli delle sottovesti, ma declinati su fantasie sud americane con pesci stilizzati, replicati anche sul neoprene. Le organze sfilacciate come ciuffi di tappeto si inanellano a spirale sulle tuniche, mentre le laserature decorano bluse e vestiti trovano spazio anche motivi geometrici, su costumi interi a patch di colori o come dettagli nelle scollature degli abiti. Unici accessori una cintura acuminata sul davanti, in cuoio e in diversi colori, a stringere la vita e in formato mignon per le manchettes.

  • shares
  • Mail