Sfilate Milano Moda Uomo Giugno 2015: i volumi e il rigore sartoriale di Corneliani, le foto

Ha sfilato sulle passerelle di Milano Moda Uomo la collezione primavera estate 2016 di Corneliani che presenta tutta la sua arte sartoriale, il rigore delle costruzioni e la preziosità dei materiali. Le immagini sono su Style & Fashion

477847368_master.jpg

Ha sfilato sulle passerelle di Milano Moda Uomo la collezione primavera estate 2016 di Corneliani che presenta tutta la sua arte sartoriale, il rigore delle costruzioni e la preziosità dei materiali, cotoni, lini, sete, fino a risultati di altissima tecnologia tessile, con i volumi che ora riscrivono un nuovo lessico.

Il nucleo della rivoluzione è il baricentro del corpo, da cui si generano le onde concentriche di un’eleganza fatta di opposti, prontamente afferrati e riportati a un livello di tale raffinatezza e sintesi da lasciare di questa dicotomia solo una vaga sensazione, appena sconvolta da reminiscenze tribali, visibili nelle disegnature neo principe di Galles o negli effetti stuoia appiattiti, e nel pantalone che accoglie significative pinces, dove si intuisce il gesto dell’uomo arcaico che veste il suo sarong. Lo stringi vita non è più solo dettaglio, ma diventa elemento strutturale, in una frontalità che celebra il ritorno della vita alta.

E sempre sotto l’effetto di un rigore anticonformista il nuovo abito non esclude il bermuda, mentre rigati di elegantissima memoria tracciano le loro linee verticali su fogge di lino, per conquistare una leggerezza che solo l’indipendenza della classe innata può permettersi.

I trench sviluppano grandi pieghe sulla schiena e possono scendere fluidi fino alla caviglia, trascinando nella loro lunghezza le tasche, dettagli sartoriali ora complici di gesti spontanei. Quasi chirurgico nelle giacche dal volume quadrato, il taglio è minimale nella definizione delle ampie T-shirt in pelle di assoluta semplicità.

Anche il colore mostra tonalità mai sature, appena polverose, sospese nell’atmosfera di un tramonto nel deserto. Il blu pervinca del cielo, il beige della sabbia e il grigio chiarissimo della pietra sono accesi da un sole rosso amaranto. Emerge una personalità indipendente, tanto salda sulle regole del bel vestire da permettere quel balzo decisivo che l’uomo Corneliani ha compiuto in un processo evolutivo verso la libertà.

  • shares
  • Mail