Fashion Blogger ladra: la rettifica di Corriere.it e la verifica delle fonti

Il caso Corriere.it sulla fashion blogger ladra, l'errore di persona e la rettifica online. Grazie al bravissimo Maurizio Galluzzo e al suo post "Quando i giornalisti parlano di Fashion Blogger".

rettfica corriere.it_00100.jpg


Ieri ero a Roma con Ford Italia per un test drive a Cinecittà con molte colleghe fashion blogger e mentre ci apprestavamo a tornare a Milano, leggendo twitter, incappiamo tutte nel lancio della notizia di una fashion blogger ladra perchè avrebbe rubato e sottratto degli abiti per un valore di 60mila euro. 

A quel punto parte il tam tam su twitter e la notizia comincia a rimbalzare online, i maggiori quotidiani e siti cominciano a riportare la notizia, tra i primi vi segnalo Affari Italiani che inizialmente aveva pubblicato solo le iniziali della probabile blogger "C.O.".


Probabile sì e con solo le iniziali del nome, perchè non c'era stata la verifica delle fonti, in secondo luogo la notizia nasce da una denuncia, sembra fatta dal datore di lavoro, su cui la Polizia sta ancora indagando, tutto ciò perciò doveva indicare un'attenta valutazione prima della pubblicazione dell'articolo.


Ora il buzz e l'indignazione della rete di ieri, nasce dal pezzo del Corriere.it, che dimentico delle buone regole base del giornalismo e della rete (non si cancella nulla, ma si aggiorna in diretta con rettifiche in tempo reale), esce con la notizia, pubblicando erroneamente nome e foto di una blogger che con tutta la vicenda non c'entrava nulla. Blogger che sul suo blog, per difendersi e smentire il Corriere, ha dovuto pubblicare un post dal titolo: "Non sono una ladra.. facciamo chiarezza" (qui il link)


Il bravissimo Maurizio Galluzzo sul suo blog ieri ha seguito tutta l'intricata vicenda delle correzioni e cancellazioni fatte dal Corriere, vi consigliamo di leggerlo "Quando i giornalisti parlano di Fashion Blogger" primo perchè riporta tutta la vicenda in modo chiaro e temporale, secondo perchè giustamente si domanda che fine ha fatto il buon giornalismo.


Riflessioni su cui sono totalmente d'accordo, ad oggi non si può uscire con una notizia non verificata, non si lancia poi suddetto articolo in home page nazionale (mentre la rettifica finisce su Corriere Milano) per continuare a correggere gli errori e cancellarli. Oggi per rispetto anche verso i lettori, online i pezzi si correggono subito e si mostra la correzione nell'articolo stesso e non si cancella. Dov'è finito il buon giornalismo? Dove sono finite le fonti e le verifiche prima della pubblicazione?


maurizio galluzzo_00100.jpg non sono una ladra_00100.jpg


UPDATE 26 Novembre 2012: Mi preme aggiornare il post con il comunicato stampa ufficiale che mi è arrivato via mail e che ha dato il via al tam tam della notizia, vi posto anche le foto allegate a tal comunicato spedito dall'ufficio stampa del Comune di Milano con alcuni capi di abbigliamento recuperati dalla Polizia locale.


"Si sono concluse le indagini dell'Unità antiabusivismo della Polizia locale, dirette dal Comandante Tullio Mastrangelo e partite dalla denuncia delle due titolari di una società che a Milano lavora nell'ambito della moda e delle grandi firme.


Nell'appartamento di una loro collaboratrice esterna, C.O. 25enne milanese, nota fashion blogger, proprietaria di un appartamento di lusso a Milano e di due abitazioni a Ginevra,  sono stati trovati 220 capi di abbigliamento femminile di diverse marche (Manoush, Traffic People, Tuwé Italia, Vittoria Romano, Ferragamo, Adidas, McCartney) per un valore pari a circa 60mila euro, sottratti illegalmente alla società che si occupa di sfilate di moda e servizi fotografici per riviste specializzate.


La donna, denunciata a piede libero per furto, aveva escogitato un ingegnoso sistema per appropriarsi degli abiti, dopo che questi erano stati indossati per i servizi di moda, senza che fosse possibile notarne immediatamente la mancanza e senza che i sospetti potessero cadere su di lei. Gli abiti venivano successivamente messi in vendita anche per mezzo del suo fashion blog, come fossero capi da lei acquistati per sé e mai indossati. Nel blog dà consigli su come vestirsi e truccarsi, anche per rispettare il proprio oroscopo, ispirandosi alle più famose celebrity di cui mostra gli outfit più alla moda.


Le indagini sono partite da una serie di controlli  incrociati utilizzando il database che tiene il movimento dei capi di abbigliamento che transitavano nell'agenzia di moda milanese e le foto d'archivio degli stessi abiti. Gli agenti sono riusciti a ricostruire i movimenti delle donna tra l'Italia e la Svizzera fino a "incastrarla" dopo un perquisizione domiciliare a Milano, e a recuperare gran parte della refurtiva che vi era esposta come in un vero e proprio showroom con ancora le etichette originali.  La donna è stata denunciata per appropriazione indebita. Sono ancora in corso le indagini per verificare se in altre società dove la giovane ha lavorato si siano verificati furti collegabili alla vicenda."


Manoush 1a.jpg Manoush 2b.JPG vittoria romano 2.JPG


Qui sotto vi riportiamo tutti i link utili:


Quando i giornalisti parlano di fashion blogger


Fashion blogger denunciata per furto, faceva sparire i capi dopo i servizi di moda


Rettifica sull'articolo "Fashion blogger denunciata per furto"


"Non sono una ladra... Facciamo chiarezza"


Fashion blogger ladra: il Corriere e il declino del giornalismo in una notizia (sbagliata)

  • shares
  • Mail