Met Gala 2012: Miuccia Prada e Elsa Schiaparelli, la conversazione impossibile, la mostra

Miuccia Prada e Elsa Schiaparelli al MET: la mostra porta in scena il carattere e le più belle collezioni delle due stiliste italiane. Gli abiti saranno esposti dal 10 maggio al 19 agosto al Metropolitan Museum di New York.

schiaparelli-prada----475x357.jpg


Elsa Schiaparelli ha fatto conoscere alle donne la libertà. Miuccia Prada, ottant'anni dopo le ha liberate dall'idea di quello che può essere bello o che può essere brutto. Dal 10 maggio saranno insieme al MET di New York per una conversazione impossibile che va aldilà della moda stessa.

In comune, Miuccia Prada ed Elsa Schiaparelli, hanno tante cose, escludendo gli abiti che saranno esposti dal 10 maggio al 19 agosto al Metropolitan Museum di New York alla mostra Schiaparelli and Prada: Impossibile Conversation.


La mostra si ispira alle "Impossible Interviews" pubblicate da Vanity Fair negli anni Trenta e illustrate dal caricaturista messicano Miguel Covarrubias. La mostra inscena una sorta di conversazione immaginaria tra le due stiliste, con l'allestimento e la direzione creativa di Baz Luhrmann, regista di "Moulin Rouge".


Due tempi diversi, due donne diverse, ma un solo pensiero. Già, pensiero. Perchè più che di moda, la mostra parlerà di un certo modo di vedere, e di conseguenza poi vestire, il mondo.


Mettendo da parte il titolo stesso della mostra, credo che la conversazione tra le due più grandi stiliste italiane di sempre sia più che possibile: basti pensare che entrambe sono intellettuali, vedono la moda come esercizio cerebrale, strumento per indagare il gusto in modo colto, anticonvenzionale e mai, mai stupido.


Sappiamo tutti che un abito nasce dall'estro mentale di uno stilista, ma con queste due donne il discorso è diverso: con loro il risultato supera l'estetica diventando manifesto, criterio di lettura o addirittura anticipazione di tempi.


Elsa Schiaparelli l'artista: nasce nel 1890, o come amava dire lei "all'inizio del secolo". Trascinò il Surrealismo tra le pieghe dei vestiti. Dalì e Cocteau disegnarono per lei, ma Elsa fece di più, ha offerto alle donne l'idea di un'emancipazione fatta ad abito, dando il via al ritmo stagionale delle collezioni.


Ha interpretato l'eleganza sportiva degli anni '20, ha coniato il rosa shocking e inventato la cerniara lampo.


Miuccia Prada la modaiola: nasce nel 1950, vent'anni dopo si scaglierà in piazza a Milano per i diritti delle donne. Nel '78 insieme a un burbero, ma sotto sotto dolce, Patrizio Bertelli prende le redini del marchio fondato nel 1913 dal nonno materno Mario Prada.


La signora del Made in Italy è famosa per la sua abitudine di cambiare idea ogni cinque minuti, cosi fa anche con i vestiti e le sue collezioni: finti errori diventano ossessioni fashion, prima allunga le gonne per alzare il tiro della seduzione, poi le accorcia perchè è giusto mostrare le gambe. Odia il pizzo, nel 2008 sarà il tessuto portante di una tra le collezioni più belle di sempre.


Insomma Miuccia soffre di un certo disturbo, che sottintende l'estetica in equilibrio tra rottura e classicismo e con essi porta avanti un discorso, che noi volgarmente chiamiamo moda. Lei procede per contrasti e difetti all'interno delle sue stesse idee, e contromano con il mondo della moda, la Signora, supera le regole: applicandole in modo diverso, estendone l'uso, creandole da zero. Credo, che se avessero potuto, di conversazioni Miuccia ed Elsa ne avrebbero fatte parecchie, e sono sicuro, tutti noi avremmo voluto essere li, ad ascoltarle.


LINK UTILI


Prada protagonista al MET e Galliano probabile designer della maison Schiaparelli


Scarlett Johansson Avengers: Scarlett Johansson in total look Prada sul red carpet


Negozio Prada Londra: nuova boutique in Sloane Square


Prada Nail Art


Prada, la campagna pubblicitaria maschile: Michael Pitt protagonista della S/S 2012


Prada Phone by LG 3.0 vendita: arriva in Italia il lusso fatto telefono

  • shares
  • Mail