Gli anni Sessanta e il vintage contemporaneo di MSGM per la S/S 2011

MSGM_01_SS11.jpg MSGM_02_SS11.jpg


La nuova collezione spring - summer 2011 di MSGM, disegnata da Massimo Giorgetti e presentata durante la Milano Moda Donna, continua il percorso iconoclasta e un po' spericolato nell'estetica contemporanea.


Si inizia dal pizzo, tessuto cardine della femminilità: ancora una volta viene dissacrato, rivoluzionato, ripensato. Il tubino macramè, aderente al corpo e molto sensuale, è letteralmente spezzato da una frangia obliqua tie&dye che ne enfatizza la silhouette. Il tombolo, realizzato a strisce provenienti dai migliori telai di Como, viene montato a tarsia, un patchwork in bianco e nero per creare abiti e ponchi. Persino lo chemisier, di solito semplice e pulito, viene doppiato dalla rete in un'accoppiata di stile inusuale e femminile.

MSGM_03_SS11.jpg MSGM_04_SS11.jpg MSGM_05_SS11.jpg MSGM_06_SS11.jpg MSGM_07_SS11.jpg MSGM_08_SS11.jpg MSGM_09_SS11.jpg MSGM_10_SS11.jpg MSGM_11_SS11.jpg MSGM_12_SS11.jpg


La forma ad "A" e gli anni Sessanta sono la nuova passione del marchio. Per riproporli con spirito contemporaneo, si è ricorsi a una fantasia a "fulmine", un misto tra un cartoon vintage e un quadro astratto. Il risultato è una serie di righe asimmetriche spezzate che diventano anche un disegno a stella. Come fari puntati sul tessuto, proiettano ombre color banana o acquamarina, illuminando mini-abiti e gonne dalla linea netta e dai toni accesi.


Il jersey, fin dall'inizio tessuto must per MSGM, questa stagione vive di contrasti tra i colori: gli abiti si intrecciano, si mischiano e si compongono scambiandosi i toni come in una partita a scacchi.


MSGM_13_SS11.jpg MSGM_14_SS11.jpg MSGM_15_SS11.jpg MSGM_16_SS11.jpg MSGM_17_SS11.jpg MSGM_18_SS11.jpg MSGM_19_SS11.jpg MSGM_20_SS11.jpg MSGM_21_SS11.jpg MSGM_22_SS11.jpg


Novità assoluta di stagione è l'introduzione di una lavorazione a strisce della seta: si tratta di una fettuccia simile ai documenti cartacei destinati alla cancellazione, quelli che vengono tagliati in barre sottili per oscurarne i contenuti. Con lo stesso spirito, il tessuto è stato prima colorato tie&dye e poi ritagliato fino a costruire pannelli degradé per bustier, gilet e micro gonne.


Una fantasia di farfalle, infine, viene rielaborata in due versioni diametralmente opposte: micro, creando un pattern quasi da tappezzeria; o macro, con un effetto di macchie areografate, usato anche per le creazioni lunghe a pannello.


MSGM_23_SS11.jpg MSGM_24_SS11.jpg MSGM_25_SS11.jpg MSGM_26_SS11.jpg MSGM_27_SS11.jpg MSGM_28_SS11.jpg MSGM_29_SS11.jpg MSGM_30_SS11.jpg MSGM_31_SS11.jpg MSGM_32_SS11.jpg MSGM_33_SS11.jpg MSGM_34_SS11.jpg MSGM_35_SS11.jpg MSGM_36_SS11.jpg MSGM_37_SS11.jpg MSGM_38_SS11.jpg MSGM_39_SS11.jpg MSGM_40_SS11.jpg MSGM_41_SS11.jpg MSGM_42_SS11.jpg MSGM_43_SS11.jpg MSGM_44_SS11.jpg MSGM_45_SS11.jpg MSGM_46_SS11.jpg MSGM_47_SS11.jpg MSGM_48_SS11.jpg MSGM_49_SS11.jpg

  • shares
  • +1
  • Mail