Fuorisalone 2016 Milano: Garage Italia Customs reinterpreta le icone di Kartell, il party con Lapo Elkann

Garage Italia Customs reinterpreta le icone di Kartell con la tecnica del wrapping in una collezione speciale creata da Lapo Elkann. Guarda le immagini del party su Style & Fashion

Lapo Elkann e Garage Italia Customs reinterpretano le icone di Kartell con la tecnica del car wrapping in una collezione speciale in serie limitata. In occasione del Salone del Mobile 2016 il Flagship Store di Via Turati si è trasformato in una vera e propria fucina creativa dove i prodotti Kartell vengono customizzati con esclusive rivisitazioni artistiche, ispirate ai colori tradizionali delle Nazioni e al mondo automotive, e con i pattern della moda come pied de poule, gessato e tartan.

Parola d’ordine: contaminazione. Di stili, linguaggi… di “mondi”. Questo accomuna Kartell a Lapo Elkann: la voglia di contaminare i due mondi in piena libertà. Perché è proprio dalla libertà creativa e anche dal coraggio nell’espressione delle proprie visioni e intuizioni estetiche, che nascono progetti radicalmente innovativi, fuori dagli schemi, vincenti e, soprattutto, divertenti. Da questo spirito di condivisione e di disinibito dialogo creativo nasce una collaborazione che vuole protrarsi nel tempo con diverse declinazioni e che con la sua prima collezione ispira l’idea del Fuorisalone Kartell 2016.

Il tema dell’evento, “Kartell+Lapo. It’s a Wrap!”, campeggia su tutte le vetrine e viene associato a pay off incentrati sull’artigianalità italiana e sulla dimensione onirica. All’interno del Flag si apre il “garage dei sogni”, in cui i Maestros di Garage Italia Customs trasformano in realtà i sogni dei clienti, dando nuova vita agli elementi d’arredo Kartell, con una personalizzazione. Lapo Elkann attraverso l’intervento di Garage Italia Customs ha customizzato i prodotti Kartell tramite il wrapping, la tecnica che consiste nel rivestire le superfici con speciali pellicole e che viene utilizzata per la prima volta sui componenti d’arredo di Kartell.

Su un pavimento linoleum blu elettrico a bolle vengono esposte una quarantina di icone della collezione Kartell, personalizzate con grafiche provenienti dal mondo automotive e della moda. Due i filoni dell’interpretazione delle icone Kartell in esposizione all’interno delle vetrine: i tavoli ovali Glossy di Antonio Citterio, i Componibili di Anna Castelli Ferrieri o le icone trasparenti di Philippe Starck come Uncle Jim, Louis Ghost, Ghost Buster, One More Please, Tip Top, Lou Lou Ghost o i tavoli Invisible Side di Tokujin Yoshioka, sono “wrappati” ispirandosi ai colori delle bandiere delle Nazioni e reinterpretano famose livree racing o anche solo dettagli dei loro motivi e colori. Le stesse icone di prodotto sono presentate con pattern completamente diversi provenienti dal mondo della moda e più legati al textile design come il pied de poule, il tartan o il gessato, direttamente wrappati sulle plastiche.

È sorprendente quindi vedere come le stesse icone parlino un linguaggio completamente diverso a seconda che vestano un look più grafico e pop o più sobrio: un esempio sono i Componibili nell’ironica versione bicolor o in gessato.

Claudio Luti, Presidente Kartell, ha commentato: “Oggi Kartell è un brand di lifestyle così globale che si può permettere di portare avanti collaborazioni e progetti speciali anche con un approccio più libero e disinvolto verso i suoi prodotti. La collaborazione con Lapo Elkann è molto intrigante perché il suo approccio imprenditoriale è fuori dagli schemi, oltre le tendenze, genuinamente creativo e supportato da grandi intuizioni commerciali. E la combinazione delle due creatività Lapo e Kartell fa scaturire nuove opportunità di evoluzione del concetto stesso di prodotto industriale personalizzato. Oggi i consumatori vogliono sentirsi sempre più parte integrante dei loro acquisti guidandoli a monte da un punto di vista creativo (dall’auto, alla casa, all’arredo). Ho trovato particolarmente stimolante fare interpretare le nostre icone con nuovi pattern e colori in limited edition e penso che questa collezione possa essere un nuovo modo di interpretare le potenzialità dei prodotti Kartell, anche se sempre in linea con il nostro approccio industriale”.

Lapo Elkann, aggiunge: “Quando ho creato Garage Italia Customs sapevo che il nostro obiettivo non era quello di limitare la personalizzazione al mondo automotive, ma di traslare il suo potenziale creativo in molti altri settori. Per la nostra prima contaminazione con il mondo dell’arredamento e del design non potevamo trovare un partner migliore di Kartell. Azienda simbolo di progettualità creata e concepita in Italia, Kartell ha al suo attivo vere e proprie icone del design contemporaneo oltre a condividere con Garage Italia Customs una ricerca di continua sperimentazione e innovazione, coniugata all’uso di tecnologie avanzate. La perfetta sinergia che si è creata tra le nostre due realtà ha permesso di fondere design, auto e lifestyle in elementi d’arredo fuori da ogni schema, con una nuova ed unica personalità”.

L’insieme dei progetti dà vita dunque ad una collaborazione che avrà continuità nel tempo e che esordisce con una prima collezione in vendita da settembre a dicembre in edizione limitata nei negozi Kartell e on line sul sito Kartell.com.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO